Le riflessioni di Confai Bergamo sulle sfide del nuovo governo in agricoltura

Bolis (presidente): innovazione, sostenibilità e forte impulso verso l’integrazione del mondo rurale

“Integrazione delle filiere agroalimentari, modernizzazione delle strutture e innovazione nei processi produttivi al servizio di una sostenibilità a tutto campo del settore primario”: con queste parole Leonardo Bolis, presidente di Confai Bergamo e Confai Lombardia, ha inteso sintetizzare i temi che l’organizzazione delle imprese agromeccaniche e agricole considera meritevoli di attenzione prioritaria nell’agenda agricola del nuovo governo.

“Per stimolare una ripresa di competitività in agricoltura le imprese dovranno stare costantemente al passo con l’innovazione – osserva Bolis – ed il governo dovrà favorire al massimo grado l’accesso alle risorse tecnologiche più avanzate, accompagnate da adeguati processi formativi per gli operatori del settore. Nel contempo, meritano una riflessione approfondita le funzioni che il comparto agroenergetico potrà svolgere in una prospettiva di medio termine, nel quadro di un’agricoltura gravemente danneggiata dalla congiuntura economica internazionale”.

Tra gli auspici manifestati da Confai vi è quello di una sempre maggiore integrazione tra i diversi attori del mondo rurale e, in particolare, tra imprese agromeccaniche e agricole. “Tra gli apporti qualificati che le imprese agromeccaniche offrono al settore primario – ricorda il segretario provinciale di Confai Bergamo, Enzo Cattaneo – rientra senz’altro l’implementazione di tecniche agronomiche rispettose degli ecosistemi naturali in grado di coniugare sostenibilità ambientale ed efficienza dei processi produttivi. In tempi di crisi, le imprese dedite al contoterzismo agrario rappresentano inoltre uno dei pochi baluardi concreti di fronte al continuo incremento dei costi di produzione, divenuti ormai insostenibili”. 

In questa prospettiva – concludono i rappresentanti dell’associazione – il nuovo governo sarà chiamato a dare una celere risposta circa la necessità di aprire l’accesso ai fondi europei alle imprese agromeccaniche, in condizioni di parità con gli altri attori del mondo rurale.

Economia e Finanza

Crediti di carbonio e social token: la finanza rigenerativa vale già 1 trilione di dollari

La finanza rigenerativa vale già 1 trilione di dollari  La finanza rigenerativa, il nuovo paradigma economico che  opera per contrastare gli effetti del cambiamento climatico avvalendosi di blockchain e web3,  vale già un trilione di dollari. La stima arriva da un’analisi Celo, l’ecosistema blockchain che promuove le criptovalute come strumento di inclusione finanziaria e che […]

Read More
Economia e Finanza

Stablecoin: è l’ora di una nuova moneta digitale

IN FOTO: Markus Franke, capo Europa dell’ecosistema Celo Le stablecoin si affacciano per la prima volta sulla scena del mondo crypto nel 2014. La ragione? Dare agli utenti la possibilità di avere una degna alternativa a un altro tipo di criptovalute, più volatili e speculative, come i Bitcoin. La stabilità, il valore che contraddistingue le […]

Read More
Economia e Finanza

Spopola Valora, il portafoglio digitale mobile. L’Italia in cima alla classifica tra i mercati europei per utilizzo

Gli italiani hanno imparato a usare le criptovalute. Insieme alla Germania, infatti, il nostro paese è il principale mercato europeo per utilizzo di Valora, un portafoglio digitale mobile che permette di inviare, spendere e far crescere criptovalute con la stessa facilità con cui si invia un messaggio. Valora è un wallet crittografato nato nel febbraio […]

Read More