Innovare il proprio modello di business in 3 mosse

L’Italia è in coda nella classifica dei Paesi più innovativi: a penalizzare, la mancanza di infrastrutture, di politiche a sostegno degli investimenti d’impresa e la scarsa conoscenza e dimestichezza con gli strumenti digitali
Maria Laura Albini, Partner di ARAD Digital, boutique di consulenza che ha da poco stretto una partnership strategica con il polo di riferimento europeo per l’innovazione, Gellify, ha riassunto i tre step che ogni azienda dovrebbe seguire in un percorso di trasformazione digitale: analisi dello scenario di riferimento, progettazione di idee risolutive, implementazione e sperimentazione.

Saper innovare rappresenta oggi un fattore determinante per le aziende per rimanere competitive in uno scenario in continua evoluzione come quello attuale e per riuscire a distinguersi dai competitor. Tuttavia, secondo il Global Innovation Index, l’Italia si posiziona solo al 28° posto nella classifica dei Paesi più innovativi: a penalizzare il Belpaese la mancanza di infrastrutture adeguate, di politiche a sostegno degli investimenti d’impresa, nella market capitalization e nel numero e valore di investimenti di venture capital. A confermarlo è anche l‘indice dell’economia e della società digitale (DESI), che dal 2014 monitora i progressi digitali degli Stati membri dell’UE. Dal rapporto emerge, infatti, che l’Italia si trova al 26° posto, dietro ai Paesi nordici come: Finlandia, Danimarca e Olanda, i quali si sono dimostrati tra i più virtuosi.

Maria Laura Albini, Partner di ARAD Digital

Per aumentare il livello di innovazione e digitalizzazione del nostro Paese serve uno sforzo di tutto l’ecosistema. Occorre non solo lavorare sul sistema legislativo e infrastrutturale, ma soprattutto sulla formazione e sull’aggiornamento delle competenze e delle conoscenze, con l’obiettivo di avere sempre coscienza delle tecnologie, dei trend e delle opportunità derivanti dall’utilizzo avanzato degli strumenti digitali.” Queste le parole di Maria Laura Albini, Partner di ARAD Digital, boutique di consulenza indipendente, specializzata nel supportare startup e grandi aziende in momenti di trasformazione, attraverso la definizione della strategia più adeguata al proprio scenario operativo. L’imprenditrice è anche Direttrice Scientifica di BEAT Academy, il corso di formazione, organizzato da H-Farm College, per figure trasversali con competenze tecniche, capacità strategiche e organizzative, sempre più indispensabili nel settore tech e in ambito Web3, perché in grado di identificare e contribuire all’integrazione di differenti settori aziendali, software utili, processi.

Quali sono quindi gli step che un’azienda dovrebbe compiere per innovare il proprio modello di business in ottica digitale e omnicanale? Maria Laura Albini li ha riassunti in 3 mosse: analisi dello scenario di riferimento, progettazione di idee risolutive, implementazione e sperimentazione.

1- Analisi dello scenario di riferimento: è essenziale comprendere il contesto nel quale si vuole innovare. Ogni industry e ogni singola area all’interno di essa ha le sue logiche, che vanno approfondite per mappare le sfide, le esigenze e le opportunità del settore o del problema che si sta affrontando.

2- Progettazione di idee risolutive: l’approccio startup può essere utile anche in contesti corporate quando si parla di innovazione. In questo tipo di processi, coinvolgere team diversificati, utilizzando tecniche di brainstorming per creare una serie di soluzioni innovative, consente di ottenere contaminazioni e punti di vista differenziati.

3- Implementazione e sperimentazione: realizzare prototipi o in generale test per verificare il mercato potenziale o l’interesse per una specifica tematica di innovazione serve per comprendere se e quale sia la strada giusta da seguire ed eventualmente aggiustare il tiro.

L’innovazione è un processo iterativo, che prevede raffinamenti successivi per ottenere il risultato desiderato, apprendendo dagli errori per migliorare in maniera continuativa.

Con l’idea di consolidare il proprio ruolo attivo nel supportare le aziende nei processi di trasformazione, ARAD Digital ha stretto, a fine settembre 2023, un’importante partnership con Gellify, per offrire un’esperienza di innovazione completa e integrata per le organizzazioni pubbliche e private, supportandole in ogni fase del loro percorso di transizione digitale, dalla strategia all’esecuzione. In particolare, il gruppo Gellify ambisce a diventare il principale polo di riferimento in Europa per l’innovazione e prevede di chiudere il bilancio 2023 con un fatturato pro-forma di 37 milioni di euro, con una crescita del 60% lo scorso anno e un Ebitda raddoppiato.

Ogni importante decisione di business dovrebbe essere presa avendo sempre come punto di partenza il cliente, con i suoi bisogni, le aspettative e i desideri ed è proprio da questa consapevolezza che è nata la collaborazione strategica tra ARAD e GELLIFY. L’obiettivo è quello di offrire un servizio ancora più personalizzato e completo, grazie ad esperti di settore e tecnologie all’avanguardia. La partnership permetterà, infatti, a entrambe le nostre realtà di valorizzare i propri ecosistemi, generando un impatto effettivo e positivo sull’operatività giornaliera delle rispettive aziende clienti, offrendo loro servizi di digital transformation per accelerare il processo di innovazione.” – conclude Maria Laura Albini, Partner di ARAD Digital.

About Maria Laura Albini

Maria Laura Albini ha più di vent’anni di esperienza nel mondo del CRM e Marketing in diverse industry, di cui una decina in ambito Fashion, dove ha lavorato per diversi anni sia lato azienda che come consulente direzionale, supportando le imprese nei momenti di trasformazione digitale tramite la startup che ha co-fondato ARAD Digital, insieme ad altri amici ed ex colleghi YOOX.

About ARAD Digital

ARAD Digital è una boutique di consulenza indipendente, con sede a Bologna, Milano e Padova, specializzata nel supportare le aziende in momenti di trasformazione, sfruttando al meglio le opportunità derivanti dall’utilizzo avanzato dei canali digitali. ARAD Digital pone una particolare attenzione alla formazione dei giovani e alla valorizzazione di figure professionali negli ambiti di competenza. I consulenti hanno una formazione a 360° sulle tematiche relative all’omnicanalità con practice specifiche di riferimento, assegnate a seconda della seniority, per garantire al singolo una comprensione profonda delle dinamiche del settore e al cliente una copertura completa di tutte le possibili esigenze di supporto.

Lavoro e Formazione

Logistica, dalla carenza di personale alla trasparenza dei contratti: ecco le 6 sfide che attendono il settore nel 2024

La logistica diventa sempre più importante tanto per l’economia italiana quanto per le persone che ne usufruiscono. A confermarlo ben 1,7 miliardi d’investimenti messi in campo nel 2023. Il tutto in un contesto in cui troppo spesso il settore viene accusato di scarsa trasparenza nella regolarità di contratti e appalti. Per contrastare questo fenomeno nasce […]

Read More
Lavoro e Formazione

DONAZIONE DI 100 MILIONI DI DOLLARI ALLA JOHNS HOPKINS UNIVERSITY SAIS DA PARTE DI JAMES E MORAG ANDERSON

Il più grande contributo privato ad un’università in Italia si avvarrà delle competenze dei docenti e ricercatori della Johns Hopkins per formare la prossima generazione di esperti internazionali e offrire soluzioni multidisciplinari e innovative a problemi globali BOLOGNA, Italia e BALTIMORA, Maryland, Stati Uniti – La Johns Hopkins University ha annunciato oggi una donazione di 100 […]

Read More
Lavoro e Formazione

Grandi dimissioni: perchè le aziende devono investire sull’intelligenza emotiva secondo HRCOFFEE

Nel secondo trimestre 2021 sono cresciute del +85% le dimissioni volontarie. Appare quindi cruciale che le aziende debbano investire sulle proprie risorse. Tra le competenze più richieste, l’intelligenza emotiva può fare la differenza sul luogo di lavoro. Perchè?  Crea empatia nei confronti dei colleghi, aiuta ad autoregolarsi e ad avere maggiore consapevolezza di sé, accresce […]

Read More