E-commerce B2B: in Europa fino a 1,67 miliardi di euro entro la fine del 2024

Il commercio digitale B2B è un canale sempre più determinante per lo sviluppo delle imprese internazionali e italiane. Lo dimostra il valore (GMV*) del B2B Digital Commerce, che avanza al ritmo di +12% all’anno in Europa e in tutto il mondo e che ad oggi vale a livello mondiale 23,4 miliardi di dollari (più del doppio rispetto al 2018), con una previsione di crescita del 12% entro il 2027, quando, secondo le stime**, arriverà a superare i 37 miliardi di dollari. Anche a livello europeo il valore dell’e-commerce B2B ha registrato un importante incremento negli ultimi anni, passando da 1,3 miliardi di dollari nel 2022 a 1.5 nel 2023, e si stima che entro la fine dell’anno raggiungerà i circa 1,67 miliardi di dollari, in crescita dell’11% rispetto allo scorso anno. Il trend di crescita del mercato si conferma anche per il vecchio continente e si stima che entro il 2025 potrebbe superare 1,8 miliardi di dollari. La digitalizzazione del comparto B2B coinvolge anche il nostro Paese, dove nel 2022 il B2B Digital Commerce incideva del 21% sul totale del transato B2B***.

Queste le principali evidenze emerse durante l’evento Netcomm Focus B2B Digital Commerce dal titolo “La trasformazione omnicanale delle filiere e delle relazioni tra imprese”. La settima edizione dell’evento ha coinvolto imprenditori, buyer e seller aziendali per approfondire le possibilità di sviluppo di nuovi canali e modelli digitali, con l’obiettivo di ottimizzare i processi di vendita in tutti gli ambiti del commercio B2B, dal mondo delle aziende a quello dei marketplace, dalla logistica ai servizi. 

Il comparto del B2B sta assistendo a un processo di costante digitalizzazione, che contribuisce alla crescita dei ricavi del settore in tutto il panorama internazionale, tanto che si stima che nel 2027 arriverà a superare i 37 miliardi di dollari a livello globale. In questo contesto, l’Europa detiene il 6% del valore globale del B2B Digital Commerce globale, i paesi Apac il 79% e la Cina, da sola, oltre il 40%. Nel nostro Paese, dove il settore B2B è tradizionalmente guidato da dinamiche commerciali rigide e articolate che prevedono l’intermediazione di rappresentanti di vendita nella gestione delle trattative, è necessaria l’introduzione di strumenti innovativi per rispondere alle nuove esigenze dei buyer che, anche a seguito del cambio generazionale, sono sempre più orientati verso esperienze d’acquisto agili e personalizzate. Queste necessità guidano le aziende italiane che desiderano scalare il loro business verso la creazione di customer experience personalizzate e immersive, la semplificazione delle operazioni e l’automatizzazione dei processi attraverso l’uso dell’intelligenza artificiale e di innovazioni tecnologiche. La flessibilità garantita dalla digitalizzazione gioca un ruolo determinante per lo sviluppo del settore, consentendo agli attori della filiera di gestire le vendite in modo efficiente e di raccogliere dati e informazioni utili all’analisi operativa e alla pianificazione di future strategie finalizzate alla creazione di relazioni a lungo termine con i clienti.” afferma Roberto Liscia, Presidente di Netcomm.

Le prospettive per il commercio digitale italiano nel B2B 
La trasformazione digitale del commercio B2B risponde alla necessità di soddisfare le esigenze dei buyer di nuova generazione, sempre più interessati alla proposta di progetti tailored, sia in ottica di personalizzazione del processo di acquisto, sia nell’offerta di servizi di pagamento e di customer care orientati al B2B. La sfida per le aziende italiane del settore consiste oggi nell’incontrare le esigenze di seller e buyer includendo i processi di digitalizzazione e l’utilizzo delle nuove tecnologie all’interno di un’ampia strategia, con l’obiettivo di integrare i sistemi aziendali già esistenti e di rispondere prontamente alle nuove esigenze del mercato. Il settore del B2B in Italia si affaccia oggi all’introduzione e al dominio di tecnologie quali il Machine Learning e L’IA e allo sviluppo di sistemi come l’Headless Commerce, che consiste nella separazione tra front end e back end di applicazioni e siti di e-commerce, e il Composable Commerce, un’architettura basata sulla selezione delle migliori soluzioni commerciali per creare una “composizione” di servizi ad hoc. Queste soluzioni avanzate consentono di gestire in modo più efficiente e disintermediato i processi di vendita, dove autonomia e agilità si presentano come elementi imprescindibili. Secondo Netcomm, dunque, le aziende del nostro Paese dovranno andare incontro a un ripensamento della struttura organizzativa, sempre più orientata alla costruzione di un e-commerce omnicanale e ibrido, in cui anche la figura del venditore subirà una necessaria trasformazione, passando dal ruolo di Order Manager a quello di Brand Ambassador grazie all’acquisizione di nuove competenze finalizzate alle vendite ibride.

*Gross Merchandise Volume: è il valore lordo della merce venduta
**Fonti: B2B eCommerce – In-depth, Market Insights & Data Analysis, Dicembre 2023, Statista; AgileIntel Research: www.agileintelresearch.com/about-agileIntel.php
***Fonte: Ricerca 2023 dell’Osservatorio Digital B2b della School of Management del Politecnico di Milano

Netcomm
Netcomm, il Consorzio del Commercio Digitale Italiano, è l’associazione di riferimento del settore e-commerce in Italia e uno stakeholder chiave nel dialogo sull’evoluzione regolamentare del mercato digitale a livello nazionale ed europeo. Netcomm riunisce oltre 480 aziende, tra società internazionali e piccole e medie realtà di eccellenza e rappresenta oggi la più ampia comunità professionale del digitale in Italia, in grado di fornire una visione autorevole e di anticipare le evoluzioni generate dalle tecnologie sul mercato e sul fare impresa. Dal 2005 il Consorzio mette a disposizione una piattaforma esclusiva di contenuti formativi, ricerche, casi e modelli di riferimento nel digitale. Netcomm è tra i membri fondatori di Ecommerce Europe, l’Associazione Europea del Commercio Elettronico che coinvolge oltre 150.000 aziende in Europa. Per ulteriori informazioni: https://www.consorzionetcomm.it
 

*** 

News

AllianzTrade: prospettive globali per il settore automobilistico

Allianz Trade ha pubblicato oggi l’ultimo studio dedicato al settore dell’automotive dal titolo ”Prospettive globali per il settore automobilistico: sterzare attraverso le turbolenze”, con previsioni, stime e analisi.Le immatricolazioni totali di auto nel 2023 sono aumentate del +11,3%, fino a quasi 88 milioni.I tre maggiori mercati automobilistici – Cina, Stati Uniti ed Europa – hanno registrato […]

Read More
News

Raddoppia in 5 anni il mercato europeo del crowdfunding: ecco il rapporto ENER2CROWD 2024-2028

Pandemia e guerre hanno frenato il crowdfunding in Europa, ma a fine 2023 il mercato è ripartito: «da qui al 2028 si andranno a raddoppiare i 4,1 miliardi di euro del 2019, con una crescita annua media del 16%» mettono in evidenza gli analisti di Ener2Crowd.com, la piattaforma ed app per gli investimenti sostenibili tra le […]

Read More
News

Dal 18 al 24 Marzo 2024 la Settimana Europea degli investimenti per il clima

Ener2Crowd inaugura l’European Climate Investing Week 2024 con un progetto a sostegno della Cooperativa «L’Orto» selezionata grazie alla rete dei GreenHeroes di Alessandro Gassmann e partecipa all’Earth Hour promosso dal WWF: in tutto il mondo si spegneranno le luci per 60 minuti. «Lo spirito della Settimana è quello di sottolineare l’importanza di creare un movimento finanziario […]

Read More